I pappagalli e i giochi

Non possiamo sottovalutare la laboriosità istintiva di questi animali che in natura staccano rami, scavano tronchi, scortecciano legno al di là delle esigenze prettamente nutrizionali.

I pappagalli sono animali molto attivi ed in cattività necessitano dei giochi tanto quanto di un’ottima alimentazione, di una gabbia quanto più ampia possibile e fabbricata con materiale non tossico. E’ fondamentale che ogni pappagallo tenuto come pet possa tenersi impegnato e non sia relegato nella sua voliera privo di stimoli, l’attività fisica e mentale l’aiuterà a passare serenamente i momenti in cui sarà solo.

I giochi possono essere costituiti da rami di piante non tossiche o si possono utilizzare quelli venduti da aziende specializzate che, essendo ricchi di colori e fabbricati con materie prime adatte a questi animali, divengono elementi importanti per il loro mantenimento.

E’ noto che i pappagalli siano in grado di vedere i colori ed apprezzare le forme, preferendone a seconda del soggetto, alcune piuttosto di altre: da qui nasce la necessità di fornire a questi animali giochi di varie forme e colori, di qualsiasi specie di pappagallo si tratti.

Giocando con accessori in corda e legno e plastica dura o con ramoscelli di piante non tossiche (prelevati lontano da strade cittadine in cui l’inquinamento è purtroppo sempre a livelli più alti)   oltre ad una stimolazione psichica, i nostri pappagalli ricevono l’opportunità di consumare il becco ed allenare tutti i muscoli del corpo, sviluppando di conseguenza anche il senso dell’equilibrio.

I giochi rappresentano anche un ottimo modo per interagire con il nostro amico alato, infatti non devono essere visti da noi umani solo come un modo per tenere impegnato il nostro pappagallo, ma come un passatempo ludico per rinsaldare il nostro rapporto di fiducia con lui. L’importante è che si comprenda e si riesca ad interpretare nel giusto modo il suo modo di giocare: quindi senza pretendere da un pappagallo le cose che potrebbe fare un altro animale domestico come ad esempio un cane, non assumendo mai atteggiamenti di sfida nei suoi confronti, ma giocando serenamente con lui come se si giocasse con un bimbo di pochi anni, quindi con molta pazienza e tolleranza.

A volte i pappagalli amano giocare indisturbati nel loro spazio e lo indicano chiaramente col linguaggio del corpo; in questo caso vanno rispettati e lasciati tranquilli.

Appartengono alla categoria dei giochi, altalene di varie fogge che possono essere agganciate alla parte superiore della gabbia regalando al pappagallo un posatoio mobile ed una posizione strategica, due particolari decisamente apprezzati da questi animali. Se poi l’altalena è costituita oltre che dal posatoio anche da pezzettini di legno colorato ai lati, il pappagallo si divertirà a distruggere i tocchetti lignei.

Il posizionamento dei giochi nella gabbia va fatto con estrema cautela: nel caso di pappagalli particolarmente timorosi è consigliabile, inizialmente, porli all’esterno della gabbia in modo che l’animale possa osservarli e capire che non costituiscono minaccia, in capo a qualche giorno si può provare a  proporli all’interno della gabbia e contemporaneamente premiando il pappagallo, in modo che associ questa “intrusione” con un evento positivo, premio che può essere costituito tanto un premio alimentare quanto da una coccola.

Concludendo dunque, è importante che il pappagallo abbia all’interno del proprio spazio il numero maggiore di attrazioni iniziando da molte ciotole ricche di cibi invitanti per arrivare ai giochi che costituiscono un’occupazione ed una stimolazione psico-fisica insostituibile

Nadia Ghibaudo

Presidente ADT

www.associazioneitalianarecuperoanimaliselvatici.org

 

 

 

Si ringrazia per la gentile collaborazione - http://www.geavet.com/

 

 

 

 Paco's Parrots Farm - e.mail info@pacos.it mobile 3490823413

©Copyright - tutti i testi e le foto appartengono a Paco's Parrots Farm è vietata la riproduzione anche parziale